Dopo l’accordo con Msc Crociere, Taranto sempre più cruise terminal

NAUTICA & MARENEWS
180

Si è svolta, presso il Salone degli Specchi del Comune di Taranto, la cerimonia di presentazione ufficiale alla comunità jonica della Taranto Cruise Port, concessionaria neo-costituita dalle Società Port Operation Holding S.r.l. e Global Ports Melita Ltd, controllate dalla Global Ports Holding Plc, il più grande operatore indipendente di terminal crociere a livello globale.

Durante il live streaming di questa mattina – ospitato dal Comune di Taranto – sono intervenuti il Sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, il Presidente dell’AdSP del Mar Ionio, Sergio Prete, il Chief Operating Officer della Global Ports Holding, Stephen Xuereb ed il CEO e General Manager della Taranto Cruise Port, Antonio Di Monte. L’evento è stato moderato dall’Assessore allo Sviluppo Economico Turismo e Marketing Territoriale, Fabrizio Manzulli. Prima dell’apertura dei lavori, i relatori hanno rivolto un pensiero di solidarietà e vicinanza alla famiglia del lavoratore che ieri è deceduto nel porto di Taranto.

“destination beyond your imagination”: con questo slogan la Global Ports Holding accoglie lo scalo jonico quale 20° porto del proprio prestigioso network internazionale di cruise terminal, attribuendo a Taranto un ulteriore elemento di attrattività e valorizzazione nel panorama crocieristico globale, quale destinazione turistica emergente nel Mediterraneo grazie anche alla possibilità di effettuare operazioni di homeporting.

Nella giornata del 29 aprile, presso la sede dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio (AdSPMI), si completava l’iter di concessione demaniale marittima tra l’AdSP MI e la Taranto Cruise Port Srl (TCP) con la firma dell’atto concessorio tra il Presidente dell’Autorità ed il CEO e General Manager della TCP, in esito all’approvazione dello schema dell’atto di concessione da parte del Comitato di Gestione dell’Ente che si è espresso favorevolmente nel corso della seduta tenutasi in data 28 aprile u.s.. La Taranto Cruise Port avrà in concessione, per i prossimi vent’anni, una porzione di aree demaniali marittime e di beni insistenti sul molo San Cataldo dello scalo jonico, per l’esercizio del servizio di supporto ai crocieristi nel porto di Taranto nonché di ogni altra attività disciplinata nell’atto di concessione. In particolare, la Taranto Cruise Port utilizzerà, in via transitoria, una struttura prefabbricata dedicata al servizio di supporto ai crocieristi in transito nel porto di Taranto nonché di tutti coloro che decideranno di scegliere lo scalo jonico quale porto di imbarco e sbarco. Quanto sopra, nelle more che la banchina di levante del Molo San Cataldo e l’edificio polifunzionale denominato “Falanto” – attualmente in costruzione – vengano completati e resi fruibili quali ormeggio preferenziale delle navi da crociera e sede del relativo terminal del porto di Taranto.

A partire dal 5 maggio p.v., con l’arrivo della prima nave da crociera MSC Seaside, saranno, inoltre, attivate le opportune sinergie con le istituzioni locali, le pubbliche amministrazioni operanti in porto nonché con gli operatori portuali e turistici, ai fini del più proficuo ed ampio coinvolgimento del cluster ionico nello svolgimento delle attività connesse al traffico passeggeri. Le operazioni in banchina saranno espletate nel rigoroso rispetto dei protocolli anti-Covid previsti.

“Con l’odierna sottoscrizione – afferma il Presidente dell’AdSPMI, Prof. Avv. Sergio Prete – si apre per il porto di Taranto una nuova stagione di sviluppo e rinnovata espansione dello scalo nel settore del turismo crocieristico, segnando un traguardo memorabile per la comunità jonica. L’AdSP proseguirà la propria azione di promozione ampliando la strategia volta allo sviluppo dei traffici crocieristici in piena collaborazione con le attività che la Taranto Cruise Port andrà a realizzare sul territorio, con l’auspicio di rendere Taranto meta privilegiata e prescelta da un numero sempre crescente di passeggeri. Grazie alla piena sinergia d’intenti con l’Amministrazione comunale, proseguiremo, inoltre, il percorso già avviato nell’ottica di perfezionare il brand di destinazione turistica e crocieristica della città, incentivando lo sviluppo dinamico e sostenibile dell’economia locale nonché la funzione proattiva del porto verso il territorio”.

 “Abbiamo ospitato volentieri questo evento di presentazione, in questa sala suggestiva – le parole del sindaco Rinaldo Melucci –, proprio per ribadire che Comune e Authority stanno condividendo la medesima visione di sviluppo dello scalo portuale. Prima di ogni altra cosa, però, sento di dover esprimere ancora il cordoglio per la giovane vita spezzata ieri, per un incidente nell’area portuale: abbiamo l’opportunità di ribadire l’impegno delle istituzioni affinché tutte queste occasioni di sviluppo che stiamo creando facciano il paio con una crescente attenzione alle tematiche della sicurezza sul lavoro. Occasioni di sviluppo che hanno un respiro di lungo termine. Il gruppo che si insedia oggi, infatti, è leader nel settore delle crociere, significa che la nostra programmazione trova conferme anche da parte di importanti player internazionali. Siamo felici di essere qui, quindi, perché crediamo che il porto debba tornare centrale nell’economia del territorio e nei percorsi che stiamo disegnando per un modello di sviluppo sostenibile, che tenga dentro le radici del territorio che sono mercantili e culturali. Oggi, questa è la migliore risposta alla voglia di ripartenza post-pandemia».

“Taranto – Città di Mare – ed il suo porto – afferma Antonio Di Monte, CEO e General Manager della TCP – hanno una grande potenzialità di sviluppo del traffico crocieristico, anche alla luce della straordinaria ricchezza della destinazione in termini di storia, cultura, paesaggio e natura. GPH ha creduto in questa potenzialità e ritiene che, grazie ad un’azione di promozione e marketing, che dovrà vedere il coinvolgimento attivo dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Ionio, del Comune, della Regione e di tutte le altre istituzioni locali coinvolte nella filiera del turismo, si potranno conseguire nel medio periodo importanti obiettivi di traffico e di crescita della destinazione, non solo in termini di immagine, ma anche di positive ricadute sul tessuto socio economico di riferimento”.

Taranto, 2 maggio 2021

AUTORITÀ DEL SISTEMA PORTUALE DEL MAR IONIO News

Ph dal sito Adsp

Tags: , ,
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Le Aree Marine Protette di Porto Cesareo e Torre Guaceto insieme per le tartarughe
ANTICIPAZIONE: Sono 15 in Puglia le spiagge su cui sventolerà la Bandiera Blu
DA LEGGERE
Menu