La Guardia Costiera contro la pesca illegale: operazione in Puglia

NEWS
105

Nelle scorse settimane, si è svolta una vasta operazione della Guardia Costiera, coordinata e disposta dal 6°Centro di Controllo Area Pesca della Direzione marittima di Bari, finalizzata alla repressione dell’attività di pesca esercitata illegalmente. I controlli, svolti dai militari in servizio presso tutti i Comandi pugliesi, si sono svolti in mare, presso i punti di sbarco del pescato e presso rivendite al dettaglio.

In particolare, su tutto il territorio regionale, sono stati effettuati un totale di 365 controlli con l’elevazione di sanzione amministrative per importi che superano i 100.000 euro.

In particolare nel solo Compartimento Marittimo di Manfredonia (da Zapponeta a Marina di Chieuti) sono stati effettuati n°39 controlli e ispezioni presso diversi operatori del settore (ristoranti, supermercati pescherie e venditori ambulanti). Le attività di verifica hanno portato all’elevazione di n° 13 sanzioni amministrative, pari ad un importo totale di circa 21.000 euro. Particolare attenzione è stata posta all’utilizzo di attrezzi da pesca non regolari, con il sequestro di ben 6 attrezzi non correttamente segnalati.

Tra le diverse attività spicca quella portata a termine congiuntamente dai militari degli Uffici Locali Marittimi di Rodi Garganico e di Lesina che hanno sequestrato più di 800 kg di prodotti ittici vari in quanto privi dell’idonea documentazione volta ad attestare la tracciabilità.

Ma i controlli non si sono interrotti con il termine dell’operazione complessa regionale. Infatti, nel pomeriggio di ieri, nell’ambito dei quotidiani controlli sulla filiera della pesca, i militari della Capitaneria di Porto di Manfredonia hanno effettuato una verifica a bordo di un autoveicolo nel quale era stata occultata la presenza di circa 500 esemplari di riccio di mare (paracentrotus lividus) abusivamente raccolti da pescatori di frodo in trasferta sulle coste del Gargano. Oltre alla sanzione di 2000 euro il prodotto ittico è stato posto sotto sequestro e successivamente rigettato in mare in quanto ancora allo stato vitale.

Le attività di controllo continueranno anche nei prossimi giorni, al fine di garantire il rispetto di norme e regolamenti in materia di pesca.

Capitaneria di porto-Guardia Costiera

Manfredonia

Un’operazione analoga è stata condotta dai militari dell’Ufficio locale marittimo di Torre Cesarea nell’Area marina protetta di Porto Cesareo: hanno sequestrato circa 1000 ricci di mare (contro i 50 consentiti), raccolti da un pescatore sportivo, che tra l’altro era in immersione con un autorespiratore, a carico del quale è stata elevata una sanzione amministrativa di 2000 euro. I ricci di mare, ancora in stato vitale, sono stati rigettati in mare. Sequestrata anche l’attrezzatura utilizzata dal sub.

Gallipoli, 24 marzo 2021

LA REDAZIONE

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
A-Mare Giovanni, atto secondo, a Porto Cesareo
Puglia Porta d’Oriente: l’Italia fra Adriatico, Ionio e Balcani
DA LEGGERE
Menu