L’Area Marina Protetta di Porto Cesareo certificata EMAS

AMBIENTE
85

L’Ente gestore dell’Area Marina Protetta è determinato a valutare e migliorare le prestazioni ambientali e pronto a mettere a disposizione del pubblico le informazioni sulla propria gestione ambientale. Questo impegno volontario del Consorzio di gestione, è stato alla base della decisione assunta nei giorni scorsi dalla sezione EMAS Italia del comitato per l’Ecolabel e l’Ecoaudit, che ha deliberato la registrazione, valida fino al 13 maggio 2025, con il numero IT-002178.

La registrazione EMAS (Eco-Management and Audit Scheme) è uno strumento volontario di certificazione ambientale rivolto ad aziende ed enti pubblici, per la valutazione, la relazione e il miglioramento delle prestazioni ambientali. Proposta dalla Comunità Europea e istituita per la prima volta nel 1993, al momento è giunta alla sua terza revisione, con il Regolamento (CE) n. 1221/2009.

Questo strumento aiuta le organizzazioni non solo ad avere migliori prestazioni, ma anche a risparmiare sui costi, a pianificare azioni future in ottica di miglioramento continuo e ad avere un’immagine pubblica positiva.

Attraverso l’analisi, da parte dell’Ente di Certificazione DNV Business Assurance e dell’ISPRA, della documentazione prodotta, è stata riconosciuta molto positiva la capacità del Consorzio di coinvolgere gli altri soggetti nel territorio, con competenze ambientali o di gestione dello stesso, nel raggiungimento dei traguardi ambientali, attraverso strategie condivise e sinergiche. Realtà molto complesse come quella delle coste di Porto Cesareo e Nardò, che insistono sull’Area Marina Protetta, sono state attentamente valutate ed è stato riconosciuto lo sforzo, anche delle amministrazioni comunali competenti, nell’attuare strategie e politiche in grado di favorire la protezione e la conservazione della biodiversità dell’area protetta.

Il percorso si è concluso con la redazione della dichiarazione Ambientale, che rappresenta il documento dove sono descritti in modo chiaro e privo di ambiguità l’organizzazione e le sue attività, la sua politica ambientale, gli aspetti ambientali significativi, gli obiettivi e i target, i dati ambientali inerenti agli aspetti significativi e le sue prestazioni ambientali. Un documento che, a seguito di registrazione EMAS, diventa pubblico e utile per tutti i portatori di interesse per valutare, anche, l’operato in campo ambientale del Consorzio.

Il quale ci tiene a specificare ed evidenziare che questo risultato di non poco conto, è stato possibile grazie anche alla proficua consulenza della Cooperativa Mydas e dell’avvocato Antonio De Feo, esperti in tematiche quali gestione di aree protette, sistemi di gestione ambientale e normativa di riferimento.

“L’ottenimento di questo importante e fondamentale traguardo – spiega il presidente della Riserva Marina nazionale Porto Cesareo dottor Pasquale Coppola – è il frutto di un intenso lavoro svolto negli ultimi anni e che ha visto lo svolgersi di un’approfondita analisi ambientale iniziale, utile ad individuare, attraverso uno sforzo di analisi e autovalutazione del sito, le criticità ambientali e per definire, nei passaggi fondamentali, le procedure e gli obiettivi ambientali che sono stati oggetto della successiva dichiarazione ambientale. Tale analisi iniziale si è concentrata, necessariamente, sul modello di gestione applicato dal soggetto gestore – conclude Coppola – in funzione delle iniziative intraprese per la conservazione della biodiversità, quale finalità istitutiva, e di come i portatori di interesse siano coinvolti nelle stesse, comprendendo una valutazione dello stato della biodiversità come giudizio sull’attività gestionale”.

Gallipoli, 28 novembre 2022

LA REDAZIONE

 

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
La Guardia Costiera festeggia Santa Barbara
Manfredonia: la Guardia Costiera opere un’evacuazione medica
DA LEGGERE
Menu