Pescato d’Arneo: un’iniziativa del Gal Terra d’Arneo per il reddito e la solidarietà

NEWS
279

Prende avvio, con la sottoscrizione di un apposito protocollo d’intesa in programma domani mattina, il progetto del GAL “Pescato d’Arneo” che dà voce ai bisogni del settore della pesca locale in questa particolare fase di difficoltà legata alla pandemia del coronavirus e, parallelamente, garantisce un’azione di solidarietà destinata alle fasce più deboli delle comunità. L’iniziativa, attuata grazie al supporto operativo e logistico della Caritas diocesana di Nardò – Gallipoli, attraverso il braccio operativo Fondazione “Fare Oggi” e la collaborazione della “filiera etica” di Progetto Opera Seme, prevede infatti la possibilità per le fasce meno abbienti, già beneficiarie del servizio mensa, di consumare pesce fresco locale, acquistato direttamente dalle cooperative di pesca, abbattendo quindi la filiera, a garanzia di un prodotto fresco per i consumatori e di un equo compenso per gli imprenditori ittici. È questo l’obiettivo che si propone il GAL/FLAG Terra d’Arneo che, all’indomani dell’emergenza sanitaria, ha richiesto una variante del proprio progetto a titolarità a valere su fondi FEAMP per essere quanto più vicino possibile alle necessità dei pescatori e delle comunità beneficiarie delle misure di riferimento, coincidenti con i Comuni di Galatone, Gallipoli, Nardò e Porto Cesareo.

Attraverso un protocollo d’intesa, sottoscritto alla presenza del Vescovo di Nardò, Sua Eccellenza Mons. Fernando Filograna, e di don Giuseppe Venneri, responsabile del progetto diocesano Opera Seme, il progetto del GAL ha trovato piena attuazione e diventa immediatamente operativo per il tempo di Quaresima in arrivo.

Siamo fiduciosi che l’iniziativa, oltre a garantire un immediato impatto economico sul settore ittico locale e di solidarietà per le famiglie meno abbienti, costituisca anche l’occasione per valorizzare il pescato locale ed orientare le successive scelte d’acquisto” – commenta Cosimo Durante, Presidente del GAL/FLAG Terra d’Arneo. “Abbiamo riconosciuto nel progetto Opera Seme portato avanti con successo dalla Caritas diocesana Nardò – Gallipoli, l’interlocutore con il quale condividere obietti e finalità di questa iniziativa”.

Siamo contenti di poter coniugare la promozione del lavoro e la promozione degli ultimi, anche attraverso un’educazione alimentare che includa e valorizzi il pescato locale. Sarà un’ulteriore occasione per diffondere congiuntamente, Caritas Diocesana di Nardò-Gallipoli e GAL Terra d’Arneo, i valori dell’ecologia integrale di cui parla spesso Papa Francesco”, commenta il Direttore di Caritas Diocesana di Nardò-Gallipoli, don Giuseppe Venneri.

“Il nostro mare è ricco di tante varietà di pesce che, grazie al sapiente lavoro dei pescatori e alla maestria degli operatori delle mense diocesane, arriverà sulle tavole anche di chi ha minori possibilità”, aggiunge S.E. Mons. Fernando Filograna, Vescovo di Nardò-Gallipoli.

Veglie, 24 febbraio 2022

UFFICIO COMUNICAZIONE Gal Terra d’Arneo

Foto di Toti Magno (Archivio P&M)

 

Tags: , ,
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
“Nel Parco estremo”: domenica con Legambiente alla scoperta di Contrada Pizzo
Ocean Literacy: SOS dal Pianeta Blu
DA LEGGERE
Menu