Porto di Manfredonia: un’autovettura finisce in mare

NEWS
154

Nel primo pomeriggio odierno, la Sala Operativa di questa Capitaneria di Porto è stata allertata dalla segnalazione di un privato cittadino afferente la caduta in mare di un autoveicolo in transito nel tratto stradale riconducibile alla banchina di Tramontana del Porto Commerciale di Manfredonia.

Nel disporre l’immediato intervento di una pattuglia, la situazione veniva costantemente monitorata in remoto tramite il sistema di videosorveglianza portuale GUARDIAN X-TEN.

All’arrivo dei militari in loco, il conduttore dell’autoveicolo stazionava in sicurezza in banchina, essendosi riuscito a liberare in autonomia ed avendo trovato immediato ausilio tramite alcuni familiari già presenti.

Dalla ricostruzione delle dinamiche dell’incidente effettuata dai militari intervenuti, le cause del sinistro sarebbero da ricondurre ad un malfunzionamento del freno che ha portato alla caduta in mare del veicolo in prossimità della una curva ivi allocata dopo aver abbattuto un paletto di delimitazione.

Si precisa altresì che il conduttore, munito di pass di accesso all’ambito portuale in quanto pescatore imbarcato su un peschereccio locale, solo alla guida, non ha necessitato di alcuna forma di assistenza medica e che l’autovettura è stata immediatamente recuperata in assenza di nocumento per l’ambiente marino e costiero.

Il Comandante della Capitaneria di Porto ricorda: “Non sottovalutare la potenziale pericolosità del tratto stradale che attraversa il Porto Commerciale di Manfredonia. L’incidente in data odierna si è risolto, per fortuna, senza gravi conseguenze sia per la presenza delle delimitazioni del ciglio banchina presenti che per il basso fondale. E’ necessario prestare la massima attenzione per evitare possibili pericoli inattesi” .

Manfredonia, 2 Febbraio 2022

CAPITANERIA DI PORTO-GUARDIA COSTIERA – MANFREDONIA

 

 

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Una proposta dal Gal Terra d’Arneo: generare valore insieme
Emergenza tartarughe marine: numeri da capogiro al Centro di recupero
DA LEGGERE
Menu