Regione Puglia: il consiglio regionale dice no alle trivelle.

AMBIENTE
17

Comunicato del consigliere regionale Paolo Pagliaro, capogruppo de ‘La Puglia Domani’.
“Lo stop ai permessi a trivellare nei nostri mari per la ricerca di idrocarburi e gas dev’essere rinnovato. La votazione unanime del Consiglio regionale alla mia mozione, che chiede la proroga della moratoria in scadenza a fine mese, dimostra quanto il tema sia sentito e urgente.
Siamo preoccupati per la minaccia che i motori delle trivelle possano riaccendersi a breve, e per questo abbiamo voluto impegnare il Governo regionale ad impedirlo con ogni mezzo. Dall’assessore all’Ambiente Maraschio è giunta garanzia di questa volontà da parte della giunta Emiliano, esplicitata attraverso una nota inviata al Governo e ai ministri Patuanelli e Costa il 29 dicembre scorso. Ma lo spettro delle piattaforme in mare rimane, e non ci daremo pace finché non sarà giunta la proroga dello stop ai permessi. Lo dobbiamo al nostro paesaggio, lo dobbiamo ai pugliesi che nel referendum del 2016 si sono espressi contro le trivellazioni in mare con un no netto: il 95 per cento dei votanti.
Questa è una battaglie che va combattuta insieme, a prescindere dalle posizioni politiche, per fermare lo scempio irreversibile dei nostri fondali, per cui chiediamo un’azione pressante del Governo regionale sui Ministeri dell’Ambiente e dello Sviluppo economico. La crisi di governo che il Paese sta vivendo non diventi un alibi per lasciar scadere questa moratoria senza rinnovarla.
La sparizione dal decreto Milleproroghe della norma che avrebbe stabilito lo stop alla ricerca e alla coltivazione di idrocarburi in mare grida ancora vendetta, e ci impone di tenere alta la guardia, a protezione del nostro ambiente, che è anche il motore del nostro turismo”.

Bari, 9 febbraio 2021

Nell’immagine del Ministero dello sviluppo economico, una piattaforma nell’Adriatico (da Wikipedia).

Tags: ,
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
A Torre Guaceto il progetto “MARE CALDO”
Arpa Puglia ha un nuovo sito internet
DA LEGGERE
Menu