“Sea Robot”: nuove tecnologie per la ricerca marina

NEWS
363

Cos’è il Remotely Operated Vehicle (ROV) o il tecnoshark? Strumenti subacquei messi a punto negli ultimi decenni, grazie ai quali è possibile osservare e studiare quello che c’è a grandi profondità.

A cosa servono queste tecnologie subacquee e come vengono utilizzate dai biologi marini lo racconta un documentario realizzato dall’Ispra e lanciato l’11 aprile  in occasione della Giornata nazionale del mare. Grazie a queste nuove strumentazioni è possibile oggi studiare in maniera diretta quei fondali che fino a qualche decennio fa non era possibile osservare oltre i 50 metri di profondità.
A bordo della nave oceanografica dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale i ricercatori spiegano come si utilizza il Remotely Operated Vehicle (ROV) fino a 600 metri di profondità, a cosa serve l’ecoscandaglio multifascio o multibeam, il side scan sonar o il tecnoshark. Strumenti che ci consentono di attuare quanto ci chiede l’Europa: proteggere entro il 2030 almeno il 30% dei nostri mari.

Il video potrà essere visionato su Facebook cliccando il seguente link:

https://youtu.be/KfqCysvcc5s

Da AMBIENTINFORMA, Notiziario ISPRA

Gallipoli, 19 aprile 2022

 

Tags: , , ,
POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE
Lesina: sequestrato il relitto della motonave Eden V
Porto Cesareo: individuati due punti di sbarco provvisori del pescato
DA LEGGERE
Menu